Informazioni Utili
Complesso Monumentale di S. Caterina - Finalborgo
17024 - Tel. 019.6890610
Finale Ligure
Savona

www.sbfinalese.it
Biblioteca Mediateca Finalese (Centro Sistema)
 
Ricerca su catalogo
 
Calendario Eventi
<< < maggio 2020 > >>
dom lun mar mer gio ven sab
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
Biblioteca Mediateca Finalese (Centro Sistema)

La nuova sede

La nuova sede della biblioteca civica occupa tre lati del secondo chiostro di Santa Caterina e due lati della parte del complesso che si affaccia sul giardino, per una superficie totale di circa 350 metri quadrati. Otto sono i locali a disposizione della struttura, diversi per disposizione e dimensioni. Due grandi saloni caratterizzati dalla presenza di colonne e soffitti a volta crociata si affacciano direttamente sul secondo chiostro, ingentilito da una splendida palma; due locali raccordano i saloni con l’ingresso  che si affaccia su Via del reclusorio e con una grande stanza disposta sul lato est del giardino; infine due stanze più piccole, disposte su altimetrie diverse e separate dagli altri locali, si trovano sul lato ovest del secondo chiostro.
Questi locali, che il progetto di restauro dell’architetto Cevini ha riservato alla biblioteca, costituiscono un insieme molto suggestivo per varietà dei volumi, degli elementi costruttivi, della posizione all’interno del complesso, degli scorci che offrono al visitatore. E’ chiaro tuttavia che nella loro funzione originaria questi spazi non prevedevano di certo la sistemazione di una biblioteca: colonne, soffitti a volte, chiavi, numerose finestre e porte, angoli morti, dislivelli dei pavimenti, costituiscono ostacoli non indifferenti rispetto ad una sistemazione razionale di scaffali e arredi. Ecco così che gli stessi elementi strutturali che rendevano l’ambiente estremamente affascinante ponevano una serie di problemi di non facile soluzione dovendosi conciliare con la massima capienza degli scaffali, la funzionalità degli arredi, la presenza di vari impianti (antincendio, di riscaldamento, di controllo ambientale, di illuminazione artificiale, di servizio).

Una bella sfida che è stata vinta solo grazie ad una attenta valutazione di tutte le possibilità, con la collaborazione di tutte le componenti interessate (dal progettista agli amministratori, agli operatori della biblioteca, alle ditte appaltatrici e fornitrici), riservando un occhio di riguardo per la “vocazione” di ogni locale, disegnando un percorso interno alla struttura funzionale ai servizi ed alle esigenze del pubblico.

 

Visitiamo la Biblioteca Mediateca Finalese

L’ingresso della nuova Biblioteca Mediateca Finalese si trova in fondo a Via del reclusorio ed è  ricavato in un locale, illuminato tramite una piramide in vetro ricavata nel soffitto, dove trovano posto espositori, pannelli e bacheche per i materiali informativi e in distribuzione gratuita.
In questo locale un grande banner a forma di vela pubblicizza i servizi offerti dalla biblioteca e le iniziative (gli “appuntamenti del mese”) curate dalla stessa o dal comune di Finale Ligure.
Un piccolo locale di disimpegno che contiene anche l’armadio per il deposito delle borse e ulteriori pannelli autoportanti, conduce alla biblioteca vera e propria, lasciandosi sulla destra una grande stanza dove si vorrebbe realizzare in un prossimo futuro il laboratorio di legatoria.
Qui è possibile gettare un primo sguardo sullo spettacolare giardino retrostante, racchiuso dalla cinta muraria del complesso, con le quattro grandi aiuole, le due alte serre e le terrazze che s’inerpicano sulle pendici del Monte Becchignolo.
Si giunge quindi alla stanza riservata alla Sezione Ragazzi capace di accogliere dieci persone, completamente rinnovata nelle dotazioni (narrativa, didattica, cartoni animati, impianto hi-fi e postazione informatica) e immediatamente dopo nel locale che ospita ad un tempo la zona ufficio, il bancone del prestito e la Sezione Multimediale.

 

 

Ora si capisce perché la nuova biblioteca si vuole anche “mediateca”: una parete intera è dedicata alla Sezione cinema (in vhs e dvd), mentre altri espositori mobili raccolgono la sezione musicale (cd-audio) e quella dei cd-rom. Il colpo d’occhio è molto vivace: i colori delle videocassette, dei compact disc, dei cd-rom donano all’ambiente un tocco di allegria simile a quello di un negozio di musica o di cinema. Da questo locale la visuale sul giardino si allarga in modo spettacolare e, contemporaneamente, lo sguardo si affaccia sulla sala di lettura e sul deposito dei libri.


Proseguendo, sulla destra troviamo la postazione di consultazione del catalogo informatizzato, quindi la sala di lettura che occupa tutto il lato nord del secondo chiostro che si può contemplare attraverso tre grandi vetrate. In questo ampio  locale la struttura architettonica delle colonne che sorreggono i soffitti a volta scandisce quattro zone: l’emeroteca con gli espositori per quotidiani e riviste (un centinaio circa) collocati attorno ad un salottino dove è anche possibile ascoltare la musica in cuffia; la zona di consultazione con le grandi opere, dizionari, enciclopedie, ecc.; la sezione dedicata al fondo locale ed ai libri “finalesi”; la zona delle postazioni multimediali (quattro, tutte collegate ad Internet).


Oltrepassando la sala di lettura si giunge al piccolo locale che ospita le macchine di servizio (fotocopiatrici, rilegatrici, plastificatrici).

Se invece dal bancone del prestito si procede a sinistra, attraversando un piccolo locale di raccordo dove sono collocate le sezioni documentari in vhs e fumetti d’autore,  si giunge nel grande deposito aperto al pubblico dotato di un chilometro di scaffali per una capienza di circa 40.000 volumi.
Sul terzo lato del chiostro troviamo invece i locali del “Laboratorio”. Si tratta di uno spazio biblioteca nel quale vengono preparate le mostre temporanee allestite dalla biblioteca stessa e destinate poi al vicino Oratorio De’ Disciplinanti.